giovedì 21 marzo 2013

Poesie alla cipolla e vellutate al curry

La cipolla è un’altra cosa.
Interiora non ne ha.
Completamente cipolla
fino alla cipollità.
Cipolluta di fuori,
cipollosa fino al cuore,
potrebbe guardarsi dentro
senza provare timore.

In noi ignoto e selve
di pelle appena coperti,
interni d’inferno,
violenta anatomia,
ma nella cipolla – cipolla,
non visceri ritorti.
Lei più e più volte nuda,
fin nel fondo e così via.

Coerente è la cipolla,
riuscita è la cipolla.
Nell’una ecco sta l’altra,
nella maggiore la minore,
nella seguente la successiva,
cioè la terza e la quarta.
Una centripeta fuga.
Un’eco in coro composta.

La cipolla, d’accordo:
il più bel ventre del mondo.
A propria lode di aureole
da sé si avvolge in tondo.
In noi grasso, nervi, vene,
muchi e secrezioni.
E a noi resta negata
l’idiozia della perfezione.
E' tutta la settimana che per un motivo
o per l'altro
mi gira in testa questa poesia di Wislawa Szymborska,
a mio parere
una delle poetesse più geniali della storia.
A me le cipolle non piacciono per niente,
ma non posso non provare rispetto per loro
"cipollute di fuori e cipollose fino al cuore"..
Ho scoperto questa grande poetessa
per puro caso,
una citazione di una sua poesia
("Morire: questo a un gatto non si fa")
nel mio libro preferito,
quello che ciclicamente rileggo
perchè ogni volta è sempre più bello.
Ho iniziato a sfogliare i libri delle sue poesie in libreria,
a cercarli su internet,
e mi sono innamorata del suo stile semplice
ma arguto,
il suo modo di esprimere concetti
che ho sempre avuto in testa,
ma che non sono mai riuscita ad esprimere a parole.
Alcune, come questa della cipolla,
sono addirittura buffe,
ma hanno un motivo di fondo
che stupisce...
Non amo le poesie troppo rindondanti,
piene di metafore, metonimie, anafore, sineddoche
e retorica a go go...
Amo le cose semplici,
immediate,
che trasmettano sensazioni,
concetti.
 
In realtà non volevo mettermi a parlare di poesia,
nè di cipolle del resto.
Volevo soltanto condividere questa filastrocca,
chiedendomi se anche a voi che leggete fa lo stesso effetto
che fa a me.
----------------------------------------------------
Questa è una di quelle vellutate
che nascono quando torni a casa
stanca e infreddolita
Di quelle fatte "a naso",
mischiando e sperimentando con quello che c'è.
E' il bello delle vellutate,
puoi inventarne una per ogni occasione ed esigenza,
anche se hai il frigo mezzo vuoto
e il pancino che brontola...
Questa è nat così,
mischiando un po' di questo e un po' di quello...
e mi è piaciuta tanto che mi sono segnata gli ingredienti per rifarla..
E pensare che fino all'anno scorso non sapevo neppure che cosa fossero le vellutate...
ma come facevo a vivere senza?!


Vellutata di zucchine e carote al curry e mandorle
(per 4 porzioni)

  • mezza cipolla
  • 2 carote
  • 1 zucchina
  • 1 zucchina ligure (o 2 zucchine normali)
  • 900 ml acqua
  • un cucchiaio erbette secche (io quelle fatte dall nonna...!!!)
  • origano
  • 2 cucchiai Philadelphia
  • una grossa patata
  • una manciata di mandorle tostate
  • curry a piacere (io mezzo cucchiaio)
  • 40 g parimigiano grattuggiato
  • olio Evo

Far rosolare in una pentola capiente la cipolla con un filo d'olio e un po' d'acqua finché non sarà bella morbida. Aggiungere le zucchine e la patata tagliate a tocchetti e le carote grattugiate e coprire il tutto con l'acqua.
Portare a bollore ed aggiungere le erbette, l'origano e il curry. Cuocere a fiamma bassa coperto per 40 minuti.
A questo punto aggiungere il parmigiano e il Philadelphia e frullare bene con il minipimer.
Aggiungere le mandorle e impiattare.



27 commenti:

  1. Veramente suggestiva la poesia!! Mi segno il nome della poetessa, grazie! :)
    E per le vellutate: sono un ottimo salva-cena e svuota-frigo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, sono comode e pratiche!!
      grazie
      un abbraccio

      Elimina
  2. Grazie per avermi fatto scoprire questa splendida poesia!
    Buona serata!
    Bisu

    RispondiElimina
  3. eccomiii finalmente a sbirciare sul tuo blog, wow!!! quante cose belle ti seguo volentieri grazie per aver partecipato all'iniziativa a presto rosa di kreattiva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per la bella opportunità!!!
      Ha avuto un successo notevole!
      un bacio

      Elimina
  4. Ciao,
    vorrei invitarti a partecipare a questa mia iniziativa con una tua ricetta!
    http://iotestopositivo.blogspot.it/2013/03/scambiamoci-una-ricetta-blog-evento-di.html
    ti aspetto!
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, grazie mille dell'invito.
      Parteciperò con piacere!!
      sara

      Elimina
  5. ciao appena iscritta! arrivo dall'iniziativa scambio ricette!
    me ignorante in poesie....non conoscevo questo autore...ma condivido il tuo pensiero dopo averla letta....è davvero geniale e passionale!
    ottima la tua vellutata :-)
    ti aspetto da me!
    http://ladanzadeisensi.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. mmm che bontà!!!! Mi sono inscritta con piacere. Arrivo dall'iniziativa dello scambio di ricette!
    Passa da me: http://ledeliziedisaretta.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Quando pronuncio la parola futuro la prima sillaba va già nel passato.
    Quando pronuncio la parola silenzio lo distruggo.
    Quando pronuncio la parola niente......." beh non me la ricordo a memoria ma è una poetessa che adoro Szymborska.
    Ehm,rinfrescami la memoria,te l'avevo già detto che sei adorabile? ^_^
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....Quando pronuncio la parola niente,
      creo qualche cosa che non entra in alcun nulla...
      Monica...non so che dire..mi piaci sempre di più!!!
      un abbraccio

      Elimina
  8. grazie per aver accettato il mio invito! sono tua follower!

    RispondiElimina
  9. Sono una fan sfegatata delle vellutate!! Ricetta perfetta per me :) Ti seguo con molto piacere grazie all'iniziativa "Scambiamoci una ricetta" :)

    RispondiElimina
  10. Grazie a Monica sono qui e mi capiti proprio a fagiolo . a mia sorella hanno diagnosticato la celiachia e quindi, pescherò dalle tue ricette.Questa vellutata la provo domani.A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mi dispiace per tua sorella...all'inizio è proprio una bella seccatura, ma poi ci si adatta e si scopre di mangiare più sano e meglio!!!
      In bocca al lupo a entrambe!
      un abbraccio
      sara

      Elimina
  11. Ciao!!vengo anche io dallo scambio di ricette!! :-) mi ha incuriosito il tuo nome e, avendo una nipotina celiaca ho ben pensato di venire a "rubare" qualche ricetta per lei!!bella l'idea di unire ricette e peosia!
    complimenti per il blog!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma benvenuta Anna!!!
      grazie mille e spero che qualche ricetta faccia al caso tuo!!!

      Elimina
  12. Ciao bella la poesia! Vengo dall'iniziativa Io testo positivo. Se ti va passa da me http://antoportalerecensioni.blogspot.it/2013/04/oggi-voglio-inserire-una-ricetta-che.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, benvenuta..
      passo subito a trovarti!!!

      Elimina
  13. Ciao Sara! Grazie per questa "chicca" sulla cipolla che a me, invece, piace molto!
    Amo molto anche le vellutate ma...al marito non sono gradite (forse è un piatto più...femminile?)!! :)
    Arrivo dall'iniziativa di iotestopositivo e sono già tua lettrice fissa ed anche su google+
    Se ti va ti invito a visitare http://lericettediziabianca.blogspot.it/2012/12/caponata-di-melanzane-passo-passo.html
    con cui mi sono iscritta a tale iniziativa!
    besos
    bianca :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Bianca, passo subito a trovarti...

      Elimina
  14. Ciao, grazie per aver partecipato alla prima edizione!
    E' partita la seconda edizione, se ti va di partecipare questo è il link!
    http://iotestopositivo.blogspot.it/2013/10/scambiamoci-una-ricetta-seconda.html
    A presto!

    RispondiElimina